• Home
  • Accordo governance istituzionale
  • Home
  • Accordo governance istituzionale
180705-accordo-Città-metrop-G.jpg

Accordo governance istituzionale

E' stato firmato giovedi, 5 luglio 2018, un accordo sulla governance istituzionale tra il sindaco della Città metropolitana VirginioMerola, l'assessore regionale Emma Petitti e le organizzazioni sindacali. CGIL, CISL,UIL confederali e di categoria dell'Emilia Romagna, di Bologna e diImola.

 Le parti hanno condiviso l'obiettivo di garantire una migliore risposta ai bisogni dei cittadini attraverso la diffusione deiservizi sul territorio in modo integrato, omogeneo ed efficace,consolidando, rafforzando e migliorando la qualità del ruolo delleUnioni dei Comuni all'interno della città metropolitana.

L'accordo ha inoltre valorizzato il metodo del confronto tra le parti per gli importanti risultati raggiunti su due aspetti:
- la gestione del personale coinvolto dal processo di riordino dellacittà metropolitana che, attraverso la formazione continua, potràsvolgere un ruolo innovativo e aggiornato;
- il rafforzamento dei livelli e degli ambiti di collaborazione traistituzioni e parti sociali per il raggiungimento degli obiettivicontenuti nel Patto regionale per il lavoro e nel Patto metropolitanoper il lavoro.

A questo proposito le parti hanno convenuto di definire misure perincentivare, da un lato, il mantenimento dei Comuni in Unione e perincrementare al massimo le funzioni comunali da esercitare in forma associata e dall'altro disincentivare l'uscita dalle Unioni da parte dei Comuni. Aumentare le funzioni delle Unioni significa per esempio avere per ogni Unione un'unica stazione appaltante per i servizi( minori spese, più controlli, minori rischi di infiltrazioni mafioseecc.), un unico centro di costi (riduzione delle spese diapprovvigionamento di beni), una unica gestione dei tributi (maggioretrasparenza ed omogeinità sul territorio ecc.). Inoltre le partihanno condiviso l'esigenza di allargare le forme di partecipazione dei cittadini e un maggiore coinvolgimento della cittadinanza, delle parti sociali nei percorsi di fusione dei comuni.

Le parti hanno stabilito di incontrarsi almeno una volta all'anno perun monitoraggio costante ed una verifica dello stato di avanzamentodel processo di riordino istituzionale.

CGIL CISL UIL EMILIA ROMAGNA
CGIL CISL UIL BOLOGNA
CGIL CISL UIL IMOLA

Accordo Regione E.R. Città metropolitana Cgil, Cisl e Uil E.R, Bologna, Imola

Sito realizzato da
QuoLAB | Web Agency Bologna