201113-Pubblicoperpubblico-P.jpg

Pubblico per il pubblico

13 novembre giornata di mobilitazione pubblico impiego Cisl Fp, Fp Cgil, Uil Fpl e Uilpa.

Sicurezza, assunzioni, contratti e per dare massimo sostengo e priorità al personale sanitario. 

Nella giornata Cisl Fp svolgerà i seguenti presidi territoriali presso:
- Ospedale Maggiore Bologna: ore 11 piazzale ingresso principale
- Policlinico S.Orsola: ore 11 spazio antistante ingresso Via Albertoni 15
- Istituto Ortopedico Rizzoli: ore 11 piazzale ingresso ospedale
- Ospedale S. Maria della Scaletta Imola ore 12 piazzale antistante ingresso principale

Obbligatorio: 
- Presentarsi con mascherina
- Seguire scrupolosamente le indicazioni per garantire il distanziamento

All’iniziativa parteciperanno i lavoratori del pubblico impiego, in segno di solidarietà verso il personale sanitario che sta affrontando in prima linea questa emergenza pandemica, per rivendicare il diritto a lavorare in sicurezza, il rinnovo dei contratti del pubblico impiego e nuove assunzioni. Un’iniziativa che segue lo stato di agitazione già proclamato dalle categorie confederali del pubblico impiego nelle scorse settimane.

“Nel nostro territorio – dichiara Stefano Franceschelli, segretario generale Cisl Area metropolitana bolognese- la situazione è ogni giorno più dura, al momento sono allestiti oltre 800 posti letto complessivi dedicati ai pazienti Covid fra le strutture pubbliche e private del territorio. Per questa ragione abbiamo richiesto con forza alle aziende l’incremento dei fondi contrattuali e il riconoscimento delle indennità malattie infettive per tutto il personale coinvolto”.

“E’ prioritario – prosegue il sindacalista - in questa fase garantire al personale sanitario e delle CRA di lavorare in sicurezza, a partire dalla sorveglianza sanitaria, innanzi tutto a loro deve essere assicurata la quarantena in caso di contatto con caso positivo. Continuiamo invece a ricevere segnalazioni che vanno in senso contrario e pensiamo che non sia accettabile che proprio chi ci protegge debba lavorare in condizioni di scarsa sicurezza per sé, per i colleghi e per i cittadini”.

“Altrettanto indispensabile e urgente è – prosegue Franceschelli - accelerare sulle nuove assunzioni per implementare il personale sanitario e rafforzare i servizi sanitari, anche attraverso la stabilizzazione dei precari.



201113 PubblicoperilPubblico



Sito realizzato da
QuoLAB | Web Agency Bologna